Approfondimenti

5 aprile 2018

5 film per ocean lovers, come Il Mistero di Donald C.

di Anna Martellato
Continua a leggere

James Marsh, il regista de La teoria del tutto (2014), racconta l’incredibile storia vera di Donald Crowhurst.

È Il Mistero di Donald C., film incentrato sulla storia del commerciante e velista dilettante Crowhurst, interpretato da Colin Firth, che decise di partecipare alla Golden Globe Race del 1968: una regata in solitaria intorno al mondo senza scalo, attirato dall’ammontare del premio in denaro messo in palio dalla rivista Sunday Times. La vincita infatti gli avrebbe permesso di risolvere le sue difficoltà economiche. Ma circumnavigare il globo in solitaria senza soste non è una passeggiata. Con una barca non completamente pronta e la propria casa e il lavoro a rischio, Donald lascia la moglie Clare (Rachel Weisz) e i loro figli, imbarcandosi, non senza esitazioni, nell’avventura a bordo del trimarano Teignmouth Electron.

Un film non sui grandi eroi, ma sull’insoddisfazione umana, basato su una storia vera. Un film sui non detti, sugli irrisolti, sul senso che diamo alla nostra esistenza. Alla fine è la misericordia (The Mercy è infatti il titolo originale) a vincere.

Altro protagonista di questo maestoso film di Marsh è lui: l’oceano. Quella distesa immensa e inafferrabile che sa essere così dolce agli occhi, ma anche spaventosa, a volte crudele. L’oceano però è una metafora, è un viaggio dentro se stessi, contro se stessi: è anche la culla, il pozzo e la resurrezione, a volte, dei drammi che affliggono l’uomo. A volte è necessario immergervisi, annegarcisi per poi riaffiorare, come uomini e donne nuovi, per sopravvivere.

E questo film, Il Mistero di Donald C., ne è l’esempio.
Ecco perché agli ocean lovers questo film non deve scappare.
Ecco altri 5 top film da mettere in lista.

Vita di Pi (2012)
C’è una specie di filo rosso che lega Il mistero di Donald C a Vita di Pi, uscito nel 2012. Non che sia la stessa trama, ma c’è qualcosa di profondo e solitario che lega i protagonisti. Basato sul romanzo Vita di Pi, la storia è incentrata su un ragazzo di 16 anni che attraversa l’Oceano Pacifico sognando una nuova vita americana. Ma quando la nave su cui si trova fa naufragio, viene lasciato su una zattera con un orango, una iena e una tigre del Bengala.

Le grand bleu (1988)
Luc Besson ha firmato questo film drammatico, intenso, con Jean Reno e Jean-Marc Barr, uscito nel 2002. Enzo e Jacques si conoscono sin da piccoli, quando insieme si immergevano nelle acque del Mediterraneo. Dopo la morte del padre di Jacques, anche lui esperto subacqueo, i due ragazzi smettono di frequentarsi. Jacques lavora in Perù per un gruppo di scienziati, dove si immerge nelle acque ghiacciate per alcuni minuti, in modo che i ricercatori possono raccogliere dati sulla sua condizione fisica, che sembra essere più simile a quella dei delfini che a quella degli esseri umani. Enzo invece è diventato un famoso campione di immersione in apnea. Un giorno i due si rincontrano per partecipare ad una gara di immersioni a Taormina. La sfida tra i due potrebbe diventare molto pericolosa per entrambi.

Heart of the sea – le origini di Moby Dick (2015)
Uscito nel 2015, nell’inverno del 1820, la baleniera del New England Essex viene attaccata da una creatura incredibile: una balena dalle dimensioni e la forza elefantiache, ed un senso quasi umano di vendetta. Il disastro marittimo, realmente accaduto, avrebbe ispirato Herman Melville a scrivere Moby Dick. Ma l’autore ha descritto solo una parte della storia. Il film di Ron Howard Heart of the sea – le origini di Moby Dick rivela le conseguenze di quella straziante aggressione: di come i superstiti dell’equipaggio della nave si spingono oltre i loro limiti, costretti a compiere l’impensabile per poter sopravvivere.

Master and Commander (2003)
Se è vero che il mare è la culla e la cura dei mali dell’uomo, questo è uno di quei film che più rappresentano il concetto. Uscito nel 2003 e diretto da Peter Weir, con Russel Crowe, racconta la storia del Capitano “Lucky” Jack Aubrey, noto per essere un combattivo membro della Royal Navy, mentre Paul Bettany è Stephen Maturin il medico della nave. La loro imbarcazione, la Surprise, viene improvvisamente attaccata da un nemico molto potente e, con il vascello fortemente danneggiato e metà dell’equipaggio ferito, Aubrey è combattuto tra il dovere e l’amicizia, nel momento in cui decide di intraprendere un rischioso inseguimento tra le acque di due oceani, per intercettare e catturare i suoi nemici. Una simile missione potrebbe creargli una reputazione, oppure, distruggere sia lui che i suoi uomini…

20.000 leghe sotto i mari (1954)
Il film è del 1954, ma è un cult, assieme al libro di Jules Verne. Diretto da Richard Fleischer, con Kirk Douglas e James Mason, la storia narra di un mostro misterioso che percorre i mari affondando tutte le navi da guerra che gli vengono a tiro. Il governo degli Stati Uniti assegna a tre uomini, Conseil, Ned Land ed il prof. Arronax, il compito di dar la caccia al “mostro del Pacifico”. Dopo tre mesi di ricerche i tre uomini, che si trovano a bordo della fregata americana Abraham Lincoln, avendolo avvistato, aprono il fuoco contro il mostro. Ma lo sterminatore della marina, che è il sottomarino Nautilus, al comando del capitano Nemo, s’immerge e parte al contrattacco.