Approfondimenti

10 luglio 2017

A 50 anni dall’uscita, Corto Maltese tra fumetto e cinema

di Sara La Cagnina
Continua a leggere
A 50 anni dall’uscita, Corto Maltese tra fumetto e cinema

Da Topolino alle Tartarughe Ninjia, da V per Vendetta all’intero universo Marvel. La lista dei fumetti trasformati in film sembra allungarsi sempre di più, soprattuto da quando i supereroi hanno cominciato a preferire le sale dei cinema ai cieli delle metropoli.

C’è però un’eccezione. Esattamente 50 anni fa, il 10 luglio 1967, usciva il primo numero di Corto Maltese. Il fumetto, nato dalla penna di Hugo Pratt, sarebbe diventato in poco tempo una delle saghe più amate.

Si, perché prima di Jack Sparrow, c’era Corto Maltese.

Corto Maltese è un uomo di mare. Un pirata. Trascorre la sua vita viaggiando in tutto il mondo: nasce a Malta, trascorre l’infanzia a Gibilterra e a 13 anni lo troviamo in Cina, durante la rivolta dei Boxer. Nel 1904 si imbarca come marinaio su La Valletta, iniziando i suoi viaggi. Lo troviamo a Aden, Bombay, Singapore e Shangai. Ancora nel 1905 soggiorna in Manciuria, dove farà amicizia con lo scrittore inglese Jack London. Incontrerà anche Rasputin, con il quale manterrà un’amicizia in tutte le sue avventure.
Si imbarca poi per l’Africa, l’Argentina e l’Italia, dove incontra un rivoluzionario russo di nome Dzugasvili, si, proprio Stalin.

Come si può vedere, non c’è continente che Corto non abbia toccato, persona che non abbia incontrato, avventura che non abbia vissuto sulla sua pelle.

Le sue peripezie dureranno fino al 1936, quando si perderanno le sue traccie. Secondo una dichiarazione dell’autore Hugo Pratt: “Corto Maltese non morirà, Corto Maltese se ne andrà perché in un mondo dove tutto è elettronica, è calcolato, tutto è industrializzato, è consumo, non c’è posto per un tipo come Corto Maltese.”.

Il fumetto inizia ad essere pubblicato nel 1965, per poi continuare fino ai primi anni ’90. Le sue pagine hanno visto passare l’infanzia e l’adolescenza di centinaia di ragazzini in tutta Europa. Non che gli adulti mancassero, sia chiaro. Se non per voi, chiedete ai vostri fratelli o genitori, chi non ha voluto salpare il mare come l’ironico e coraggioso marinaio almeno una volta?

E se Corto arrivasse al cinema? Il fumetto è stato trasformato in un cartone animato nel 2002, ma il pirata non ha mai raggiunto i grandi schermi. Principalmente perché l’autore, Hugo Pratt, si è sempre rifiutato. L’autore stesso ha però detto che per la creazione del personaggio si era ispirato all’attore Burt Lancaster. Una volta morto questo, l’unico, secondo Pratt, ad essere in grado di gestire i silenzi di Corto senza perderne l’ironia sarebbe stato David Bowie. Si parla di grandi insomma.

Chi potrebbe essere oggi ad interpretare questo personaggio?

Girando tra le facce sugli schermi negli ultimi anni, troviamo:

Nicholas Hoult. L’attore sta riscontrando un grande successo nell’ultimo periodo, con la sua partecipazione in Mad Max e X-Men – L’inizio, e con il look misterioso e difensivo che lo circonda, qualcosa di Corto potrebbe anche averlo.

Marco Bocci. Andiamo ora sul made in Italy. L’affascinante comandante, protagonista di Squadra Antimafia Palermo, sembra riportare tutto il fascino mediterraneo del personaggio, soprattuto negli ultimi anni delle sue avventure.

Tom Hughes. Già visto nella serie storica Victoria, sembra impossibile staccare gli occhi dallo schermo quando ce lo si trova davanti, il merito agli occhi azzurri?

Jamie Campbell Bower. E’ vero, a Jamie (Sweeney Todd, Shadowhunters) mancano i capelli scuri del personaggio, ma il fisico asciutto e l’aria da avventuriero dei mari, sempre pronto a sfuggire al pericolo, non mancano.

Sam Clafin. Per ora quando si pensa all’attore ci vengono in mente principalmente pellicole romantiche, ma dite che Clafin sarebbe pronto a un po’ di avventura?

Se avete delle idee condividetele con noi, e fateci sapere se vi piacerebbe vedere Corto sui grandi schermi. Intanto, vi lasciamo con una delle migliori citazioni del personaggio, che tutti teniamo un po’ vicino al cuore: “Me ne andrò così, tanto per andare” – Corto Maltese.