Approfondimenti

22 giugno 2017

Transformers 5, un amore lungo 40 anni

di Marco Rizzini
Continua a leggere

Appartengo alla generazione dei primi amanti del fenomeno robot.

Amavo i romanzi di Asimov (Io, Robot e Abissi d’acciaio) e i loro adattamenti cinematografici. Amavo i cartoni giapponesi e le scariche di colori e luci che portavano l’epilessia nelle case di noi giovani italiani d’inizio anni ’80. Bei tempi.

Amavo ed amo tutt’oggi i Transformers.

Ancora oggi, quando guardo la motrice di un camion mi aspetto sempre che prenda vita, alzandosi in piedi con uno sferragliare metallico di quelli che emozionano gente come noi. Avevo i giocattoli – forse adesso più corretto chiamarli action figures – e guai se mi perdevo una puntata dei cartoni animati. Quando sono iniziate le trasposizioni cinematografiche, ero in visibilio. Forse non le ho viste tutte, anzi, nel corso della storia qualche capitolo di questa lunga saga credo proprio di essermelo perso.

Di certo però, non perderò il più importante: il quinto, quello finale. Transformers 5 – L’ultimo cavaliere sarà difatti l’ultimo girato da Michael Bay e l’ultimo per il cyber protagonista Optimus Prime (Mark Wahlberg). Si chiude un ciclo, ma non si chiude l’epopea di questi meccanismi di ferro. I rumors parlano di ben altri 13 titoli in lista d’attesa, tra prequel di diversa natura e spin off su personaggi quali Bumblebee, che definire secondari sarebbe sbagliato.

In Transformers 5 – L’ultimo cavaliere, saremo costretti a rivedere tutte le nostre conoscenze e credenze che fino ad oggi avevamo nel campo degli autobot. Sarà una lotta tremenda tra due mondi: il nostro ed il loro. E solo una civiltà potrà sopravvivere. È un film dal quale ci si aspetta molto, visti i trailer che invogliano a prenotare subito i biglietti e puntano sulla curiosità di un mondo dove la commistione tra robot e umani è qualcosa di millenario, fin dalla notte dei tempi presente nella storia del nostro pianeta – e dei nostri schermi. Ritroviamo sia tanti fra gli attori storici di questo lungo racconto, sia nuove facce. Hollywood ama questo franchising e sono tantissimi i nomi di primo piano che bramano dalla voglia di farne parte. Nomi importanti come Mark Wahlberg, Anthony Hopkins, Laura Haddock, John Turturro e Stanley Tucci.

La salvezza del nostro pianeta giace nella storia segreta della civiltà dei Transformers. Optimus Prime, il Gran Mogol della razza cibernetica, dal trailer non sembra così ben disposto verso gli umani. Come andrà a finire?

Nelle sale da giovedì 22 giugno.