Approfondimenti

2 aprile 2019

Book Club: 50 sfumature over 60!

di Anna Martellato
Continua a leggere

Metti quattro amiche sessantenni che leggono libri, e che hanno fondato un club (il loro club) per condividere le sane letture.

Fin qui tutto bene.

Ok, allora cosa succede quando queste amiche over 60 leggono Cinquanta Sfumature?

Succede che diventano una specie di proiezione di Carrie, Samantha, Charlotte e Miranda, che però qui si chiamano Carol, Diane, Vivian e Sharon e hanno i capelli più o meno bianchi e le rughe (e sì, non c’è proprio niente di male).

Loro sono quattro donne alle prese con gli eterni problemi sentimentali, la cui vita scorre piuttosto noiosa proprio fino a quando la lettura di Cinquanta Sfumature di Grigio la cambierà irrimediabilmente. Ispirandosi allo scandaloso romanzo, vivranno nuovi amori, vecchi ritorni di fiamma, situazioni esilaranti e sconvenienti… Saranno finalmente pronte a entrare nel nuovo capitolo della loro vita?

Noi scommettiamo di sì.

Perché la cosa bella di Book Club, diretto da Bill Holderman, con Diane Keaton, Jane Fonda, Candice Bergen e Mary Steenburgen, come già hanno fatto altre pellicole prima (vedi alla voce: È complicato), sdogana l’idea che una volta raggiunta un’età, niente possa più accadere, se non sferruzzare a maglia e infornare torte di mele. Niente sesso, siamo over 60.

E invece no, la vita inizia ogni giorno, ogni anno, non importa quale sia quello impresso sulla carta d’identità. Ci si può innamorare, sentirsi come adolescenti, desiderare che tuo marito possa essere piccante come Christian Grey  – anche se in realtà si addormenta sul divano tutte le sere. In fondo basta un po’ di fantasia narrativa di sfondo, un paio di fascette e qualche pasticca blu (una delle scene più divertenti del film, che potete sbirciare anche nel trailer).

Ecco perché vedere Book Club, ecco perché non solo di libri si parla, ma dai libri inizia tutto, come sempre. Perché se la nostra E. L. James, l’erotico femminile per eccellenza, non avesse spezzato i tabù dell’erotismo al femminile, per quanto stuzzicanti e insoliti possano sembrare, non avremmo questa bella commedia da guardare con le amiche, e perché no, per farsi quattro risate in leggerezza.

Ma soprattutto, una volta usciti dalla sala, Book Club servirà per pensarci un po’ su. In fondo non sta bene pensare di essere vecchie, alle signore d’età.

Un’età che, se solo finissimo di piangerci addosso, sarebbe bellissima.