Approfondimenti

23 aprile 2018

Dalla carta alla pellicola: i migliori libri diventati film

di Francesco Farsoni
Continua a leggere

Il 23 aprile viene celebrata la 22esima edizione della Giornata Mondiale del Libro. A stretto giro, il 10 maggio, aprirà i battenti un altro grande evento del panorama culturale italiano: il Salone del Libro di Torino. Noi di App al Cinema vogliamo onorare questi due importantissimi appuntamenti proponendo una nostra ideale graduatoria dei libri più belli di sempre divenuti film.

1. Via col vento
Al vertice di tale classifica si può senz’altro collocare Via col Vento. Opera prima e, purtroppo, unica, della scrittrice americana Margaret Mitchell. Edito per la prima volta nel 1936, il romanzo conobbe subito un grandissimo successo vincendo il premio Pulitzer nel 1937. La sublime penna della Mitchell ci offre un grandioso e straziante affresco della Guerra Civile americana nonché della devastazione che essa porta nelle terre del Sud e nelle vite di coloro che le abitano. Assoluta e indimenticabile protagonista del romanzo è Rossella O’Hara la cui figura forte e determinata si staglia, gigantesca, sulle rovine di un mondo dissoltosi nel vento della storia.

Nel 1937 il regista Victor Fleming trasse, dall’opera della Mitchell, quello che è forse il colossal più celebre di ogni tempo e la pellicola più imponente mai realizzata nella storia del cinema. Interpretata da Vivien Leigh, semplicemente Indimenticabile nel ruolo di Rossella O’Hara e Clark Gable, un impeccabile Rhett Butler, la pellicola narra le vicende dei protagonisti offrendo allo spettatore una scenografia grandiosa.
Snodandosi grazie ad una sapiente regia, fra opulenti banchetti in pingui piantagioni, epiche battaglie e città devastate, la storia racconta le vicende di personaggi l’ottima caratterizzazione psicologica dei quali è, a nostro avviso, il vero punto di forza di questo indimenticabile film. Grande ed immediato il successo della pellicola che, conquistando dieci premi Oscar, assurse a pietra miliare della storia del cinema.

2. Ben-Hur
Al secondo gradino si potrebbe piazzare Ben-HurOpera dello scrittore americano Lew Wallace e pubblicato per la prima volta nel 1880, il romanzo, ambientato nella Palestina dei tempi di Cristo, narra le vicende di Ben-Hur. Principe di un nobile casato di Gerusalemme, Ben-Hur, è legato da fraterna amicizia al tribuno romano Messala; quando questi assume la carica di vice-governatore di Giudea chiede l’aiuto dell’influente Ben-Hur per placare gli animi dei rivoltosi. Il giovane rifiuta percependo la cosa come un tradimento del proprio popolo, ciò provoca il risentimento del romano che, con una falsa accusa di sedizione farà inviare Ben-Hur, alle galee. Dopo alterne vicende, però, il giovane rientra in Palestina, si vendica di Messala e libera la madre e la sorella rimaste prigioniere trovando la pace nella fede in Cristo.

Il regista William Wyler nel 1959 trasse dal romanzo di Wallace uno dei più grandi colossal della storia del cinema. Interpretata da un monumentale Charlton Heston nel ruolo del protagonista, la pellicola ci offre un grande affresco della Palestina nell’anno zero e della dominazione romana che la opprimeva. Questa è la cornice nella quale si svolgono le vicende fra epici scontri navali e monumentali marce trionfali che si alternano a momenti di delicato e tenero amore così come di pietà e perdono. Indimenticabile la scena della corsa delle bighe, una vera pietra miliare nella storia del Cinema. Il colossal ha ricevuto ben undici premi Oscar e per trentotto anni è stata la pellicola più premiata di ogni tempo sino all’arrivo di Titanic e poi de Il Signore degli Anelli. Il film è stato fatto oggetto di un remake nel 2016.

3. Il signore degli anelli
Proseguendo nel nostro ideale viaggio tra la carta e la pellicola incontriamo per l’appunto Il Signore degli Anelli. Nato dalla penna del grandissimo scrittore britannico Jhon Ronald Reuel Tolkien ed edito per la prima volta tra il 1954 e 1955, questo romanzo costituisce una monumentale saga fantasy; forse la più famosa del genere ed è una delle opere più importanti della Storia della letteratura universale. La trilogia narra delle avventure di Frodo, un giovane appartenente all’immaginario popolo degli hobbit al quale è affidata la missione di raggiungere il Monte Fato tra le fiamme del quale egli dovrà distruggere l’Unico Anello un potente e magico oggetto bramato da Sauron signore del Male che si propone di impiegarne il potere per conquistare tutto quanto il mondo.

Dalle opere di Tolkien è stata tratta una versione a cartoni animati negli anni ’70 ad opera del regista Rudolph Bakshi. Fra il 2001 e il 2003, per la regia di Peter Jackson, una versione cinematografica che consta di tre film: La Compagnia dell’Anello, Le due torri e Il Ritorno del Re. La trilogia costituisce nel suo complesso l’opera più premiata della storia del cinema con 17 premi Oscar questo grazie ad una regia sapiente ed una sceneggiatura accattivante coadiuvata da effetti speciali di estremo realismo. Stellare poi il cast con attori quali Ian McKellen, Christopher Lee, Viggo Mortensen e Cate Blanchett.

4. Cuore di tenebra
Dalla eccezionale penna di Jhoseph Konrad nasce invece Cuore di tenebra romanzo che, edito nel 1889, narra le vicende di Charles Marlow, un marinaio che viene inviato dalla propria compagnia in missione lungo il corso del fiume Congo in Africa alla ricerca di Kurz un dipendente della società misteriosamente scomparso del quale da mesi non si hanno più notizie. Marlow compirà il viaggio e ritroverà Kurz completamente impazzito in un villaggio d’indigeni i quali hanno fatto di Kurz la propria divinità e compiono ai suoi ordini atrocità di ogni sorta.

Nel 1979 il grande regista Francis Ford Coppola offre una rilettura del romanzo di Konrad attualizzandola nello scenario della tragedia vietnamita e portando sugli schermi una pellicola destinata a costituire un capolavoro del cinema di ogni tempo, Apocalypse Now. Il film, premiato con due Oscar e la Palma d’oro al festival di Cannes nel 1980, è un grido di denuncia che scuote le coscienze e narra le vicende di un plotone di marines inviato alla ricerca di un ufficiale nella giungla del Paese asiatico. Grande il cast d’interpreti con Marlon Brando e Martin Sheen.