Approfondimenti

20 gennaio 2017

Giornata internazionale degli Abbracci, 10 film che fanno bene al cuore

di Anna Martellato
Continua a leggere
Giornata internazionale degli Abbracci, 10 film che fanno bene al cuore

Il 21 gennaio di ogni anno ricorre il National Hug Day, meglio conosciuto come Giornata internazionale degli Abbracci. Non è una trovata dell’ultimo minuto: la giornata è stata creata trent’anni fa dal reverendo Kevin Zaborney a Clio, nel Michigan, Stati Uniti, e successivamente è stata esportata in altri Paesi.

Perché Zaborney scelse proprio il 21 gennaio come giornata dedicata agli abbracci? Perché, osservando la sua comunità, capì che proprio in questo periodo dell’anno, a cavallo tra le festività natalizie e la ricorrenza di San Valentino, c’era una generale tendenza ad essere un po’ giù di spirito.

Non è solo una percezione: è scientificamente provato che un abbraccio può essere un vero toccasana. La School of Medicine dell’Università della California a San Diego, grazie allo studio di un team di ricerca, ha sottolineato che esperienze piacevoli collegate al tatto, come l’abbraccio, provocano una risposta positiva da parte dell’organismo. Lo stimolo emotivo agirebbe direttamente sull’amigdala, con il conseguente aumento della produzione di ossitocina, un ormone secretato dalla neuroipofisi che è fondamentale nella sessualità e nella comunicazione umana.

L’importanza degli abbracci, quindi, non è basilare solo per lo sviluppo dell’autostima dei bambini, ma anche come terapia anti-ansia. Un abbraccio influisce sull’umore, aumenta il senso di sicurezza di cui si ha bisogno e fa bene allo spirito e al corpo. Se oggi siete un po’ abbacchiati, abbracciate qualcuno.

Oppure, emozionatevi con i 10 abbracci più belli del cinema in questa carrellata che fa bene al cuore.

Al di là dei sogni. Quanto è forte l’amore? Lo scopriamo in questo film, drammatico e intenso, con protagonista Robin Williams. Una vita difficile e segnata, ma che proseguirà oltre la morte. In un viaggio dai sapori danteschi, lui attraverserà l’inferno per ritrovare lei, la sua anima gemella.

Armageddon. Giovani, belli, innamorati e con un pianeta da salvare. Ma per fortuna c’è anche Bruce. Grace (Liv Tyler) e A.J. (Ben Affleck) sono davvero stupendi. Ci convincono che se c’è qualcosa di buono da salvare in questo mondo, è proprio l’amore. E un lungo, dolce abbraccio.

Ghost. Uniti per sempre, oltre la morte. È quello che accade ai due protagonisti di Ghost, il film cult con Patrick Swayze e Demi Moore del 1990 entrato a ragione nella storia del cinema.

E.T. L’extra-terrestre.Io sarò sempre qui”, dice E.T., il buffo e tenero alieno che ha stretto un legame di amicizia profonda con l’umano Elliot. In questo abbraccio c’è tutta la tenerezza del mondo, nonostante le differenze: l’abbraccio è davvero un linguaggio universale.

Inside Out. Nessun abbraccio è come quello di chi ti ama sopra ogni cosa, di quel punto di riferimento importante ieri, oggi e domani: la famiglia. La giovane Riley in Inside Out è costretta a trasferirsi in una nuova città con la famiglia e deve fare i conti anche con le emozioni che convivono nel centro di controllo della sua mente. Gioia, Rabbia, Disgusto e Tristezza guidano la sua quotidianità non riuscendo a trovare un accordo su come affrontare questa nuova vita.

Monsters & Co. In questa scena, ci commuoviamo a vedere l’enorme Sulley professionista dello Spavento, un mostro peloso che pesa 300 chili ed è alto più di due metri, che abbraccia la piccola Boo.

Schindler’s List. Una toccante immagine di Liam Neeson nel ruolo di Oskar Schindler, imprenditore tedesco famoso per aver salvato durante la seconda guerra mondiale circa 1.100 ebrei dalla Shoah. E’ questo il film che consacrò Steven Spielberg tra i più celebri registi hollywoodiani di tutti i tempi.

Fai bei sogni. Recentemente uscito al cinema. In questa scena, la bellissima di Fai bei sogni Bérénice Bejo abbraccia Valerio Mastandrea nei panni di Massimo Gremellini. La pellicola, tratta dall’omonimo libro autobiografico del giornalista vicedirettore de La Stampa, è una storia difficile sulla ricerca della verità e la paura di scoprirla.

Gli abbracci spezzati. Un film “doppio”: due storie raccontate a distanza di 14 anni, due vite vissute dal protagonista straziato dall’amore nei confronti di una sempre bellissima Penelope Cruz. Uno dei gioielli di Almodovar dopo Volvèr.

Les Yeux de sa mère. Ne Les yeux de sa mère, film francese drammatico del 2011, vediamo Jean-Baptiste Lafarge e Nicolas Duvauchelle in un amorevole abbraccio fraterno.