Approfondimenti

28 ottobre 2016

Rocco e la salsiccia: coincidenze o segno del destino?

di Anna Martellato
Continua a leggere

Ci sono cose che proprio non si possono non notare. Cose a cui è difficile non prestare attenzione. Così, in una placida mattina di ottobre, pronti per la riunione di redazione per discutere sui contenuti più interessanti da offrirvi a novembre, ci appare lui: Rocco.

Beh, il Siffredi nazionale è entrato nei nostri cuori (ho detto cuori) già in versione Robinson Crusoe nel popolare reality L’isola dei famosi. Qualcuno, ne siamo certi, ha saputo apprezzarlo anche prima di vederlo su Rai 2. In ogni caso Rocco torna e mostra il suo lato nascosto: la sua anima. Un docufilm dove Rocco si mette a nudo, dentro e fuori – al cinema il 31 ottobre, con la regia di Thierry Demaizière e Alban Teurlai, e la distribuzione di BIM.

rocco

Rocco Siffredi è per la pornografia quello che Mike Tyson è per il pugilato: una leggenda vivente. Sua madre avrebbe voluto che si facesse prete e lui è diventato un attore porno con la sua benedizione, dedicando la sua esistenza ad un unico dio: il Desiderio. Nell’arco dei trent’anni che ha dedicato alla professione, Rocco Siffredi ha esplorato tutte le fantasie dell’animo umano e si è prestato ad ogni sorta di trasgressione.

Attore porno dal destino eccezionale, in questo documentario introspettivo Rocco si immerge negli abissi più reconditi della sua dipendenza dal sesso e si confronta con i suoi demoni. Perché è degno di nota questo doc? Perché per Rocco è arrivato il momento di appendere i guanti al chiodo. Per girare l’ultima scena della sua carriera, Rocco ha scelto questo documentario.

Una galleria di personaggi – parenti, amici, soci e professionisti dell’industria del porno – lo accompagnano fino a questa spettacolare uscita di scena, in un road-movie corale dall’atmosfera crepuscolare. Il film ripercorre la storia di una vita ossessionata dal desiderio e offre uno sguardo in filigrana ai retroscena dell’industria del cinema porno, oltre allo scandalo e all’apparente oscenità.

Come scrivevamo all’inizio, ci sono però cose che non si possono fare a meno di notare. Alcune possono essere frutto del caso. Altre no. Siamo fermamente convinti che si tratti solo di una coincidenza. O forse no? Sempre il 31 ottobre arriva in sala un altro film – Sausage Party: vita segreta di una salsiccia. Non vi resta che guardare qui sotto e cliccare sulla scheda tecnica. Non aggiungiamo nient’altro!

rocco4