Approfondimenti

23 novembre 2016

Da vedere Il cittadino illustre, al cinema dopo il successo a Venezia 73

di Giulia Sambo
Continua a leggere
Da vedere Il cittadino illustre, al cinema dopo il successo a Venezia 73

Piano piano arrivano al cinema tutti quei film presentati in anteprima ai maggiori festival di settore, Mostra del cinema di Venezia compresa. Titoli di rilievo che hanno già raccolto le prime impressioni del pubblico, volando in cima alle preferenze di critici e addetti ai lavori. Il cittadino illustre (El Ciudadano Ilustre) di Gaston Duprat e Mariano Cohn è uno di questi. In uscita il 24 novembre con Movie Inspired, questa pellicola argentino-spagnola ha brillato al Lido, regalando a Oscar Martinez la Coppa Volpi per la miglior interpretazione maschile. In poche parole è piaciuto, e anche parecchio. È stato uno dei più chiacchierati tra quelli in concorso.

cittadinoillustre2

Il protagonista della storia è uno scrittore argentino che ha vinto il premio Nobel per la letteratura e vive da molto tempo in Europa. Quando viene invitato nel suo Paese natale per ricevere un riconoscimento, dopo qualche tentennamento decide di partire per il Sudamerica. Torna così nella terra che ha deliberatamente abbandonato quarant’anni prima. Il suo viaggio, un percorso nel cuore della letteratura stessa, diventa l’occasione per ritrovare gli elementi di contatto con il suo popolo e allo stesso tempo fare i conti con le diversità che l’hanno fatto allontanare. I suoi stessi personaggi prendono vita e si ribellano, fino al colpo di scena finale.

cittadinoillustre3

La trama de Il cittadino illustre è sospesa, perfettamente in equilibrio, tra due poli: da una parte realtà e dall’altra finzione, Europa e Argentina, metropoli e provincia, cultura e ignoranza, passato e presente, arte e vita, amore e odio, commedia e dramma. Intrecciati alla trama, più o meno evidenti, ci sono simboli e significati, interpretazioni e messaggi. Ci sono le contraddizioni del singolo e quelle di un Paese intero, affascinante e misterioso, l’Argentina. Un film troppo articolato, quindi, per essere riassunto in un breve paragrafo. Ma che è stato commentato così:

Comingsoon ha scritto: “Piccolo film dai grandi risultati, El Ciudadano Ilustre è una commedia divertentissima, con due o tre scene davvero esilaranti, che non deborda mai nella farsa; così come, quando è il caso di essere seri, non esagera scivolando nella retorica, nel patetismo o nella pesantezza”.

cittadinoillustre6

Internazionale, attraverso la “penna” dell’esperto di cinema e fumetti Francesco Boille: “In quello che è uno dei migliori ritratti di un intellettuale da molto tempo, la realtà supera la fantasia nell’orrore del falso dilagante, della postura dell’impostura, in un film che sembra un vero miracolo di equilibristi in movimento su corde sottilissime. E che non ci stupirebbe se finisse nei piani alti del palmarès”.

Abbiamo trovato molto utile anche l’osservazione di Urbanpost: “Si poteva rischiare di cadere negli stereotipi: provinciali buoni e genuini contro gente di città ricca e senza cuore. In realtà la sceneggiatura resta fedele alla vita vera dove, come in ogni realtà di provincia, ci sono persone aperte, sveglie, brillanti e persone occluse, ignoranti e prepotenti. Sarebbe stato facile semplificare con un facile ‘Le persone non ti perdonano il successo’. Le cose sono molto più complesse e spesso stupiscono: come il finale dell’opera”.

cittadinoillustre5

Insomma pare che andare a vedere Il cittadino illustre una di queste sere, possa essere una valida alternativa al solito aperitivo o alla solita cena. Fateci sapere!