Approfondimenti

31 agosto 2018

Venezia 75: Aspettative disilluse per L’enKas

di Anna Pertile
Continua a leggere

Per la sezione Orizzonti della 75esima Mostra del Cinema di Venezia, la regista Sarah Marx ha proposto L’enKas.

Nel titolo, tradotto in The Truck, la K maiuscola è significativa poiché sottolinea una sostanza che fa muovere la trama: la ketamina. La storia narra di un ragazzo appena uscito dal carcere per buona condotta che si lancia nel giro dello spaccio della ketamina per racimolare soldi per curare la grave depressione della madre. Un racconto, dunque, di profonde ferite e grandi disillusioni.

Il film è stato proiettato nella Sala Darsena, la stessa in cui il giorno precedente Sulla mia pelle ha ricevuto una fragorosa standing ovation dal pubblico. Forse per questo le mie aspettative erano alte, aspettative che non sono state soddisfatte appieno.

La pellicola francese è recitata e diretta molto bene, ma non ha coinvolto emotivamente gli spettatori che fine proiezione hanno fatto un breve applauso, prima di fuggire dalla sala.

Certo, gli interpreti sono stati convincenti e la qualità del prodotto è alta. Tuttavia, non ho trovato fattori di stupore o di novità per la narrativa cinematografica, esclusa qualche inquadratura interessante girata dall’interno di un’automobile in corsa

Ho apprezzato la modestia della pellicola e la storia raccontata, ma credo che sia mancata nel tentativo di creare un legame emotivo col pubblico; a livello visivo, almeno. Forse conoscendo il francese avrei potuto cogliere elementi espressi dalla sceneggiatura che le traduzioni dei sottotitoli non sono stati in grado di comunicare.