Interviste

22 agosto 2018

Intervista a ClioMakeUp: Come ti divento bella?

di Anna Martellato
Continua a leggere

Il trucco non solo nasconde le occhiaie e i brufoletti. Il trucco ti cambia e cambia il modo in cui ti poni agli altri. Perché il make up è come un vestito nuovo: ti fa sentire più bella, è un’iniezione di autostima. Ma il vero segreto di bellezza, che non si lava via a fine giornata, è volersi bene e camminare a testa alta. Parola di una che di trucchi se ne intende: Clio Zammatteo, meglio conosciuta come ClioMakeUp.

Quando si parla di bellezza è impossibile non pensare ai suoi tutorial e ai suoi consigli. Così abbiamo consultato Clio in occasione dell’uscita del film Come ti divento bella, dove l’introversa e insicura Renée (la bravissima Amy Schumer) si risveglia dopo una caduta convinta di essere sexy, spiritosa e irresistibile. La sua vita cambia completamente quasi per magia, e si trasforma in quella che aveva sempre sognato: una donna sicura di sé e di grande successo a New York. Ma il suo aspetto fisico in realtà non è mai cambiato…

In uscita al cinema oggi 22 agosto, abbiamo inseguito la nostra guru del make up preferita fino a New York per farle questa intervista e scoprire così il più importante segreto di bellezza di tutti i tempi. 

Il make up serve per… 
Nascondere i difetti, essere la migliore versione di se stesse, migliorare la propria immagine… Il make up è tutte queste cose, a seconda di quello che la persona vuole farne. Magari vogliamo nascondere un difetto, o magari ci sono delle giornate in cui abbiamo solo voglia di sperimentare e quindi il trucco diventa più un passatempo.

Come avviene per la protagonista del film, una donna sicura di sé sembra più bella. Come si spiega questa “magia”?
Il make up ti dà autostima. In inglese c’è un verbo che è “to be confident” e che riassume meglio il concetto che voglio spiegare. Vuol dire essere fiduciosa, ottimista, sicura di te. Me ne accorgo quando trucco soprattutto persone comuni, non modelle: nel momento in cui si vedono truccate, si trasformano.

Quando ci trucca un’altra persona cambia sempre qualcosa in noi. Se lo facciamo da soli tendiamo a truccarci sempre nello stesso modo, quando invece a truccarti è qualcun altro ti vedi diversa, si accende nel tuo sguardo qualcosa, ti senti più sexy, più bella, e questo fa sì che tu appari più bella anche agli occhi degli altri, perché ti senti diversa e hai un portamento diverso, più bello. Non è che “sembra”: una donna, quando si sente così, diventa davvero più bella. Non tanto per il trucco, ma per il modo di porsi verso gli altri.

La nostra è l’era dell’immagine (pubblica e con filtri, grazie ai social). Secondo lei questo è bene o è male?
Forse oggigiorno sta diventando un male, più che altro perché si fa fatica a distinguere la realtà dalla finzione. Spesso le persone postano le immagini non specificando se sono state modificate o altro, e chi sta dall’altra parte e non ha le competenze per modificare la propria immagine su un social, pensa che quell’immagine sia reale e si sente un po’ in difetto. Secondo me bisognerebbe tornare un po’ al reale, non photoshoppato. Io infatti cerco di non applicare molti filtri alle foto e non fare pose sexy per far vedere quella che è la realtà, e cerco di dare altri valori alle persone. E far capire così che l’immagine non è tutto.

Lei è stata pioniere di quella che oggi per poche persone è una vera e seria professione (ambitissima da molte altre). Dal suo punto di vista cosa e come è cambiato questo mondo? In meglio o in peggio?
In meglio, perché rispetto a una volta ci sono molti meno segreti: tutti hanno la possibilità di raggiungere o meno obiettivi che un tempo sembravano impossibili o sembravano appannaggio di pochi o di chi aveva soldi o agganci. Adesso questo mondo è veramente aperto a tutti, le persone che hanno talento possono emergere da sole. D’altra parte il fatto che sia così semplice in realtà rende tutto più difficile, perché c’è tanta concorrenza. Quindi bisogna trovare una nicchia a cui parlare e un modo di parlare e di esprimersi. Ci sono tante cose da considerare, anche se può essere più facile rispetto a ieri.

Da circa un anno lei è mamma. In che modo questo l’ha cambiata?
Mi ha cambiato tanto, ha tolto tanto tempo alla mia vita di prima, ovviamente, però mi ha regalato una gioia che non sapevo cosa fosse. Ogni giorno sono ispirata dal modo di vivere di mia figlia e questo ha un effetto benefico anche nel mio lavoro. Magari riesco a fare meno cose di prima, però lo faccio pensando a lei e cerco di fare tutto al meglio.

Quale messaggio dà alle ragazze e alle donne oggi?
Il mio messaggio non riguarda solo la bellezza grazie al trucco; quello che ho cercato negli anni di dare alle persone è soprattutto confidenza, spingerle a credere di più a loro stesse e a dare il meglio, ed esserne orgogliose senza pensare solo e soltanto alla parte estetica ma soprattutto alla propria anima. L’ho ribadito ultimamente anche con una foto perché, davvero, camminare a testa alta ed essere orgogliose di quello che si fa è la cosa più bella. Sapere di fare il proprio lavoro, nel mio caso con onestà, è una cosa che mi fa essere fiera di me stessa. Non scendere mai a compromessi, ecco, questo è quello che voglio insegnare alle persone.

Essere belle significa…
Volersi bene e camminare a testa alta, questo per me significa essere bella. Al di là del trucco.

In che modo si è evoluta la sua mission nel tempo?
Quando ho iniziato era un passatempo, non avevo una mission. Poi ho iniziato a fare tutorial in televisione e dopo ho iniziato a concentrarmi un po’ di più anche sui prodotti.

Adesso sono uscita con la mia linea di make-up, e questo ha cambiato ulteriormente tutta la mia mission, che in questo momento è seguire il brand e nel tempo crescere. Siamo aperti da pochissimo, perché è poco più di un anno, ma quello che vogliamo fare è portare sul mercato prodotti di qualità a prezzi accessibili e soprattutto prodotti chiari, in modo che tutte possano utilizzarli. Dopo i rossetti e le palette stiamo quindi lavorando per uscire con nuovi prodotti il prima possibile e sono sempre indaffarata a sperimentare, provare e testare per cercare veramente il meglio che c’è.