News

7 novembre 2016

Piper, l’ultimo corto Pixar che ha conquistato tutti

di Redazione
Continua a leggere

A tutti noi capita di avere paura. Di prendere delle serie batoste. Di sentirci diversi dagli altri e magari dei veri sfigati. Ecco, se anche voi vi sentite o vi siete sentiti così, Piper, un adorabile Piovanello alle prese con le prime difficoltà della vita, diventerà il vostro migliore amico.

Non solo perché un po’ vi ci rivedrete, ma anche perché vi mostrerà che i nostri apparenti limiti possono essere delle potenzialità. E forse, chissà, diventeranno il vostro punto di svolta.

Non ci credete? Su una spiaggia, lungo il mare, una mamma Piovanello insegna al suo piccolo come nutrirsi. Ma poi arriva un’onda che lo travolge e il piccolo resta ai bordi della spiaggia per paura di essere di nuovo travolto dall’acqua. A incuriosirlo arriva un piccolo paguro: Piper lo segue fino al bagnasciuga e, quando a sorprenderlo arriva un’altra onda, l’uccellino decide di fare come lui: cerca cioè di ripararsi sotto la sabbia. A questo punto succede una magia. Piper, ormai sott’acqua, apre gli occhi e davanti a lui si apre il mondo sommerso. Sott’acqua infatti le piccole conchiglie che i suoi simili cercano per nutrirsi risalgono la superficie della sabbia. Si vedono benissimo. Piper adesso sa dove prenderle. E quando la risacca lo riporta all’asciutto, il piccolo stupisce tutti. Mamma compresa.

Guardate questo nuovo corto Pixar sulla storia di Piper, firmato da Alan Barillaro – proiettato in sala prima di Alla ricerca di Dory. Una delicatezza straordinaria, un potere quasi magico di raccontare emozioni. E una bella lezione sul non arrendersi mai, perché nulla accade per caso…