News

6 febbraio 2019

Purl: il nuovo corto Pixar è online

di Gaia Giuffredi
Continua a leggere

Dimenticate i cortometraggi Pixar che conoscete e amate: Purl è tutt’altro.

È qualcosa di nuovo, che la stessa casa madre ha definito “sperimentale”, con il quale inaugurare un nuovo corso.

Il progetto si chiama SparkShorts, è nato due ani fa e si pone come obiettivo quello di trovare nuovi registi. Ai dipendenti della Pixar è stata infatti data l’opportunità di mettersi alla prova con un progetto personale ma con un basso budget. Il requisito era uno solo: che la storia da raccontare avesse un che di personale.

Così è nato Purl, diretto da Kristen Lester e prodotto da Gillian Libbert-Duncan; è la storia di un gomitolo di lana rosa che viene assunto alla B.R.O. CAPITAL e si ritrova a dover fare i conti con una start-up che non accetta la sua diversità.

Le battute che Purl fa non fanno ridere i colleghi, i suoi suggerimenti alla riunione non vengono ascoltati, nessuno la aspetta quando si esce per andare a bere qualcosa.

Ma Purl non si arrende, vuole essere parte del gruppo.

Allora fa quello che nessuno dovrebbe fare per ottenere l’approvazione altrui: si spoglia della sua identità e diventa una copia di quegli uomini con cui lavora.

Ora, però, ora che il suo entusiasmo e il suo essere così rosa sono coperti da un machismo esasperato e da una giacca e una cravatta, ora è perfetta per la B.R.O. CAPITAL.

Le nuove battute che Purl fa fanno ridere i suoi colleghi, i suoi suggerimenti alla riunione vengono accolti da un applauso, tutti la aspettano quando si esce per andare a bere qualcosa.

Poi però arriva una nuova collega, un gomitolo di lana giallo che è la Purl di qualche giorno prima, quella che aveva varcato la soglia di quell’ufficio con l’allegria e la spontaneità che ora ha dovuto mettere da parte. E a quel gomitolo giallo viene riservato lo stesso trattamento inziale di Purl, fatto di indifferenza e di sorrisini tra i colleghi, parole di scherno sussurrate dietro a una cartellina per non farsi sentire ma per farsi vedere.

Allora, Purl capisce.
Che se qualcuno non punta i piedi per terra, le cose non cambieranno mai.
Che se tutti si adeguano, le cose non cambieranno mai.

Così si allontana dal gruppo per il quale aveva annullato se stessa e fa quello che nessuno aveva mai fatto: sorride alla nuova arrivata, le chiede di lei perché davvero le importa e perché un posto nuovo in cui non conosci nessuno farebbe paura a chiunque. Ma se hai un’amica vicino, forse fa un po’ meno paura.

Grazie a questo piccolo gesto di Purl, che invita la nuova arrivata a unirsi a tutti quanti per un’uscita insieme dopo il lavoro, la B.R.O. CAPITAL cambia e il corto si chiude con Purl che dà il benvenuto a un ragazzo neo assunto in un ufficio dove uomini e gomitoli di lana lavorano insieme.

Il corto lo si può vedere su YouTube e ne usciranno presto altri due, sempre del programma Pixar SparkShot: Smash and Grab (disponibile dall’11 febbraio) e Kitbull (18 febbraio).

Ne sono stati realizzati altri tre, che però approderanno direttamente sulla piattaforma di streaming Disney +, che verrà lanciata sul mercato a fine 2019.