News

16 dicembre 2016

Rogue One, sul web si scatenano i commenti (no spoiler!)

di Redazione
Continua a leggere

L’attesa è finita. Il 15 dicembre è finalmente approdato nelle sale italiane Rogue One: A Star Wars Story, il primo degli spin-off della saga di Guerre Stellari che ha incuriosito tantissimi fan e anche noi, che infatti siamo andati a cercare online i primi commenti a caldo sul film. Il film, che apre la trilogia Star Wars Anthology, espande l’universo narrativo della celebre saga raccontando la storia a se stante delle spie Ribelli che riescono a sottrarre all’Impero i progetti della potentissima arma di distruzione di massa nota come la Morte Nera. Diretto da Gareth Edwards e distribuito dalla Walt Disney Studios Motion Pictures Italia, l’action-fantasy conta tra i suoi interpreti tanti nomi, tra i quali Felicity Jones, Diego Luna e Mads Mikkelsen.

Un giorno dopo il suo arrivo al cinema, le recensioni invadono la rete. Ne abbiamo raccolte alcune per voi.

Vi presentiamo per primi i pareri più entusiasti:

Rogue One sarebbe stato un ottimo film fantascientifico a parte, se avesse avuto un altro titolo. Ma quello che lo rende speciale ed entusiasmante è che si inserisce perfettamente nella storyline di Star Wars. Fa pensare a quante altre storie mai raccontate stanno aspettando di essere scoperte negli angoli bui della galassia lontana lontana.” – Entertainment Weekly 

L’action fantascientifico di Gareth Edwards non solo entra di prepotenza nella lista dei dieci film più belli dell’anno, ma si colloca anche molto in alto all’interno della saga stellare. Sul suo podio, dato che questo film è uno dei capitoli in grado di tener testa al meglio della trilogia originale. […] I brividi ‘alla guerre stellari’ non mancano in Rogue One anche perché il regista, l’uomo che ha resuscitato Godzilla al cinema, continua a strizzare l’occhio ai suoi padri cinematografici cercando l’epica di Lucas, il linguaggio visivo di Spielberg e il tocco spettacolare di Zemeckis. […] In un’epoca in cui il cinema è invaso da storie di superuomini indistruttibili, Rogue One non smette mai di sottolineare l’umanità e la fragilità dei suoi protagonisti. Una qualità davvero rara in un blockbuster del ventunesimo secolo.” – Film.it 

Rogue One rimette decisamente la guerra in Star Wars. […] Il film si inserisce comodamente all’interno dell’universo creato da George Lucas 40 anni fa. Carico di scene di battaglia come mai nessuno dei sette suoi predecessori aveva fatto, Rogue One sembra un prologo del film del 1977 e, per la maggior parte, intrattiene molto bene.” – Hollywood Reporter

Episodio VII ci aveva dato la luce, ma nulla come Rogue One: A Star Wars Story riesce a darci l’oscurità. Tra i capitoli più dark che siano mai stati prodotti (più di episodio III, e sicuramente in modo più efficace), questo spin off ci trascina nel momento più buio della galassia, quello fatto del bianco delle truppe imperiali e del nero di un mantello che conosciamo fin troppo bene, e che non a caso appare in un’ombra prima ancora che in carne ed ossa. L’Impero sta crescendo, il ‘Pianeta Killer’ è in costruzione e quello che stiamo per vedere è, in realtà, già scritto nei nostri personali libri di storia galattica. Una storia pronta a nascere nell’ombra e a morire nell’ombra, che pure non manca di emozionare e di trovare la sua chiave interpretativa, in un racconto fresco anche se classico, sorprendente anche se aspettato.” – Everyeye 

E adesso quelli che ne hanno invece evidenziato i limiti, esprimendo comunque approvazione:

Non è un film perfetto, ma sicuramente un ottimo lavoro, forse uno dei migliori dai tempi de Il ritorno dello Jedi (soprattutto se siete di quelli che non hanno apprezzato Minaccia fantasma & Co.), anche se gli mancano il pathos e il senso di mistero che hanno dettato il successo della saga. Compresso com’è dalla necessità di annodare le estremità libere del franchise e con di fronte un futuro che conosciamo benissimo, ha infatti, pochi margini di movimento a livello di narrazione e di colpi di scena. E, nonostante questi limiti, vi lascerà soddisfatti sia per la spettacolarità a livello visivo sia perché Rogue One è più di qualsiasi altro film della saga stellare un film corale e sul sacrificio.” – Best Movie

Ovviamente il film non funziona perfettamente. Insieme ai problemi di trama e di personaggi, ci sono un po’ troppi ammiccamenti ai film originali, come se i dirigenti della Disney fossero terrorizzati dalla possibilità che i fan perdano interesse se non ci sono abbastanza riferimenti. […] Messi da parte questi problemi, quello che Rogue One riesce a raggiungere su scala più ampia è incredibilmente incoraggiante per la saga d’ora in poi.” – Collider

Il regista di Godzilla Gareth Edward dirige il primo film di Star Wars indirizzato direttamente ai fan adulti del film originale, un film cruento di guerra con pochi ingredienti indicati per i bambini. […] Sebbene sia complicato, non lo è quanto La Minaccia Fantasma. […] Il pubblico più giovane sarà annoiato, o confuso, o entrambe le cose. Ma i fan della generazione originale di Star Wars che non sapevano cosa farsene di Episodio I, II e III, ora hanno un vero prequel al quale tenere.” – Variety

Pieno di azione e parco nel mostrare Darth Vader, Rogue One è un impeccabile pezzo di raccordo che si incastra al resto della saga con una perfezione che, letteralmente, stupisce e forse, proprio per questo, si ferma un passo prima del capolavoro. […] Lungo tutta la storia otteniamo tantissime risposte e precisazioni, ci vengono forniti dettagli anche su elementi lasciati in sospeso nel 1977, ma non vengono poste altre domande, non c’è nessuna zona d’ombra a stimolare un po’ di appetito. […] Se ne esce quindi soddisfatti, per aver visto un gran film di guerra tradizionale e moderno al tempo stesso ma anche per aver sanato il desiderio di sapere, però non con gli occhi pieni di sogni.” – Badtaste

L’accoglienza complessiva, insomma, ci sembra molto buona. Non un capolavoro ma un film fatto bene che non pare aver deluso le aspettative degli appassionati. E voi, vi fiderete di queste opinioni e correrete a vederlo?