Dalla carta alla pellicola

19 gennaio 2019

210 anni di Edgar Allan Poe: una vita… in noir

di Francesco Farsoni
Continua a leggere
210 anni di Edgar Allan Poe: una vita… in noir

Il 19 gennaio ricorrono i 210 anni dalla nascita di Edgar Allan Poe.

L’opera dello scrittore americano non costituisce soltanto una pietra miliare nella storia della letteratura, ma un vero e proprio spartiacque: Poe è considerato il padre fondatore del genere horror e del genere poliziesco.

I suoi scritti e i suoi racconti, che devono molto al gotico, di cui lo scrittore era appassionato, costituiscono il punto di partenza del genere giallo” e dei racconti noir al quale tanti autori si sono ispirati sino ai giorni nostri.

Lo scrittore americano viene inoltre considerato un precursore del moderno genere fantascentifico. Negli scritti di Poe un ruolo di primo piano hanno il sovrannaturale e l’introspezione psicologica: la parte oscura della natura umana, l’orrore, il mistero, l’insondabile assurgono al ruolo di protagonisti nelle opere del grande scrittore.

Dalla penna di Poe sono scaturiti anche i primi racconti polizieschi e i primi segugi”. Creando il personaggio di Auguste Dupin, infatti, Poe introduce per la prima volta nella storia della letteratura l’investigatore professionista, figura divenuta un classico letterario di ogni epoca compresa la nostra.

Tanti gli scritti di Poe divenuti pietre miliari della letteratura di ogni tempo, solo per citarne alcuni: I delitti di Rue Morgue, Il gatto nero, Il crollo di casa Usher, Il barile di Amontillado, La lettera nascosta e tanti altri ancora.

Tantissimi i suoi racconti che hanno avuto trasposizioni cinematografiche o televisive. Nel 1928 Jean Epstein per la sceneggiatura di Luis Bunuel porta sugli schermi La caduta di casa Usher con Jean Deboucourt e Marguerite Gance.

Nel 1960 tocca poi a I vivi e i morti di Roger Corman con Vincent Price e Mark Damon. Nel 1961 sempre Corman porta sugli schermi Il Pozzo e il Pendolo con Vincent Price, Jhon Kerr e Barbara Steele.
Nel 1962 ancora Corman dirige Sepolto Vivo con Ray Milland.

Dello stesso anno e della stessa regia I racconti del terrore con Debra Paget e Basil Rathbone. Del 1981 The black cat diretto da Lucio Fulci con Patrick Magee e Mismy Fermer.

Nel 1990 Dario Argento dirige Due occhi diabolici con Adreienne Barbeau.

Del 2012 The Raven per la regia di James Mcteigue con John Cusack e Luke Evans.

Del 2014 Stonehearst Asylum diretto da Brad Anderson con Jim Sturgess e Ben Kingsley.

Famosa anche la serie televisiva I Racconti Del Mistero con il grandissimo Christopher Lee, a testimoniare che l’opera di Edgar Allan Poe continua anche oggi ad affascinarci.