Dalla carta alla pellicola

13 marzo 2019

I 50 anni del padrino: dalla carta alla pellicola

di Francesco Farsoni
Continua a leggere

Dalla carta…
Il 10 marzo 1969 veniva pubblicato per la prima volta Il padrino.

Opera dello scrittore Mario Puzo, il romanzo narra le vicende di una famiglia italoamericana e della sua ascesa all’interno della cupola mafiosa.
Significativa e di grande effetto la copertina di S. Neil Fujita nella quale campeggia una mano che tira i fili di una marionetta.
Il romanzo riscosse un grande successo negli Stati Uniti e in Europa.

Si deve all’opera di Puzo, infatti, la divulgazione di alcuni aspetti e gergalità tipiche di quel sordido mondo sino ad allora sconosciute al di fuori di quell’ambiente.

Diviso in nove parti, il romanzo è incentrato sulla figura del boss mafioso di origine italiana Don Vito Corleone e segue le vicende della sua vita: l’infanzia in Sicilia, l’arrivo in America, la scalata al potere nella cupola.
Tanto quella del boss quanto quelle dei suoi familiari, quindi, sono esistenze che, inevitabilmente, s’intrecciano con la criminalità e le lotte di potere all’interno della Mafia americana di cui i Corleone tentano di assumere il controllo.

Un’opera profonda e potente che apre uno squarcio su di un mondo oscuro, torbido e, negli anni in cui fu scritto il romanzo, ancora totalmente chiuso e sconosciuto.
Un dedalo d’intrecci, violenza, potere e crimine che l’autore tenta di descrivere per il grande pubblico.

…alla pellicola
Per il grande successo ottenuto, per la trama avvincente e ricca d’intrecci di sapore profondamente noir, il romanzo non poteva non attrarre l’attenzione del cinema.

È il grandissimo regista Francis Ford Coppola (Apocalypse Now, Dracula di Bram Stoker) a trarre dal romanzo di Puzo una delle trilogie di maggior successo della storia del cinema.
Eccelsi gli attori che hanno formato i cast delle tre pellicole e che, di volta in volta, hanno dato volto ai numerosissimi personaggi di questa celeberrima saga.

Primo capitolo della trilogia è Il padrino del 1972 con stelle del calibro di Marlon Brando (Apocalypse Now, Ultimo tango a Parigi) e Al Pacino (The Humbling, Conspiracy).

Seguirà, nel 1974, Il padrino – Parte II con Al Pacino, Robert Duvall (Deep Impact, La lettera scarlatta) e Diane Keaton (Provaci ancora, Amore e Guerra).

Chiude la trilogia Il padrino – Parte III del 1990 con Al Pacino, Diane Keaton e Eli Wallach (Il buono, il brutto, il cattivo, Mystic River).

Una pietra miliare del cinema, che a distanza di anni continua ad affascinare ed è entrata a pieno titolo nei grandi e indimenticabili cult.