Dalla carta alla pellicola

3 maggio 2017

East End, quando il cartoon non è banale

di Francesco Farsoni
Continua a leggere

East End è un complesso film d’animazione distribuito da Distribuzione Indipendente e diretto da Giuseppe Squillaci e Luca Scanferla: sviluppa, nella realistica cornice della globalizzata attualità mondiale, le storie di un gruppo di adolescenti romani con alle spalle situazioni familiari difficili. Le vite dei protagonisti sono animate da grandi passioni anche molto distanti e, all’apparenza, inconciliabili fra loro come ad esempio la scienza e il calcio.

A questi giovani si affianca la figura di un nuovo compagno di classe che, timido e sensibile, porta sul volto orribili cicatrici e nell’animo le ferite del trauma della morte della madre. A causa di tutto ciò egli fatica ad integrarsi nel gruppo e finisce vittima dei bulli.

Le vite complesse e le difficoltà che ostacolano gli adolescenti non impediranno loro d’intraprendere insieme un percorso esistenziale di riscatto anche se dovranno vedersela con numerosi antagonisti. Il tutto si scioglie in un finale divertente e di assoluta godibilità che si fa canto di speranza, amicizia e amore.

East End è una pellicola assai innovativa e peculiare come da tempo non ne comparivano nelle sale cinematografiche del nostro Paese. È il frutto di un progetto di largo respiro che rinnova profondamente il modo di fare cinema di animazione in Italia. Questo sferzante lungometraggio affronta, con un’ironia graffiante ma mai banale, le tematiche più complesse dei nostri giorni di realtà liquida e sempre mutevole.

Dal terrorismo internazionale, allo scontro di civiltà, alla volatilità degli affetti sino alla caoticità del vivere moderno che trova nei media un simulacro di empatia e socializzazione.

Uno sguardo delicato viene anche riservato al venir meno della famiglia come principale centro di aggregazione e luogo di crescita valoriale, alla introversa solitudine inespressa di molti adolescenti, al bullismo piaga che infetta la nostra società.

East End si rivela una pellicola di vasti orizzonti e obiettivi ambiziosi che offre molteplici e rilevanti spunti di riflessione; per questo vi consigliamo di andarla a vedere.

Ironica e dissacrante ma anche sferzante, intelligente e di assoluta profondità, è coadiuvata da una grafica colorata e coinvolgente. I protagonisti dal carattere spiccato e ottimamente tratteggiati rendono a nostro avviso questa pellicola godibile, divertente ma al contempo istruttiva anche per i più piccoli.