Dalla carta alla pellicola

14 giugno 2018

A quiet passion: Emily Dickinson dalla carta alla pellicola

di Francesco Farsoni
Continua a leggere

Diretto da Terence Davies, oggi 14 giugno esce al cinema A quiet Passion, l’ultima pellicola dedicata a una delle più grandi voci liriche di ogni tempo: Emily Dickinson, interpretata da Cynthia Nixon.
Un ennesimo filo che lega un libro a un film, che cercherò come sempre di raccontarvi…

Così il libro…
L’importanza di Emily Dickinson e la centralità della sua figura nel contesto letterario angloamericano e mondiale è stata scoperta e debitamente riconosciuta relativamente da poco tempo. Nondimeno la sua opera e la sua esistenza, tanto povera esteriormente quanto ricca e intellettualmente feconda nell’intima interiorità, è fatta oggetto di numerosi resoconti biografici.
Basti citare Vita e opere di Emily Dickinson. L’alfabeto dell’estasi di Barbara Lanati che tratteggia l’esistenza della poetessa attraverso testimonianze di chi la conobbe, epistolari e diari facendo emergere un ritratto enigmatico e ricco di sfaccettature. Una esistenza forse prigioniera delle convenzioni bigotte dell’America ottocentesca ma pervasa da grandi tensioni e aneliti religiosi: un ritratto, dunque non privo di contraddizioni celate dal silenzio nella quale Emily Dickinson visse la propria vita.

Ma chi era Emily Dickinson?
Nata ad Amherst nel 1830 e qui morta nel 1886 la poetessa statunitense è considerata una delle più grandi voci liriche di ogni tempo. Cresciuta in una famiglia profondamente religiosa visse in un ambiente radicato nel puritanesimo con il quale si confrontò per tutta la sua vita. La passione per la lettura la condusse a scoprire la propria vocazione poetica che riempì una esistenza quasi interamente vissuta fra le mura domestiche nella stessa casa che la aveva vista nascere, fatta di pochi studi e amicizie.
Solo al momento della morte, la sorella rinvenne nella stanza della Dickinson 1775 componimenti poetici scritti su foglietti ripiegati e inseriti in un raccoglitore. Nel 1890 la sorella Vinnie e una amica riescono a far pubblicare un primo volume di poesie seguito da numerosi altri. Dal 1924 al 1935 vengono pubblicati altri 300 componimenti affidati a parenti. Nel 1955 a cura di Thomas Johnson la prima edizione critica di tutte le poesie in ordine cronologico e forma originale. Del 1998 è invece una nuova edizione critica in tre volumi come la precedente ma con l’aggiunta di alcuni brani uscita a cura di Ralph W. Frankln.

… così il film
Una figura così imponente non poteva non attrarre l’attenzione della macchina da presa. Oggi esce nelle sale A quiet Passion.
La regia è di Terence Davies (The deep blue sea, A Sunset song) e le protagoniste sono Cynthia Nixon (Amadeus, Il rapporto Pellican) e Keith Carradine (La ballata del caffè triste, L’inchiesta).
Il film racconta la vita di Emily Dickinson tracciando per lo spettatore il ritratto di questa grande donna che, forse, si è trovata ad essere “prigioniera” del tempo in cui ha vissuto.
La pellicola segue il personaggio nel suo sviluppo interiore aiutando il pubblico a penetrarne il mondo più intimo e provando a raccontare un’anima così complessa e ricca di contraddizioni e pulsioni opposte ma illuminata dalla grande passione per la scrittura e per la poesia alla quale Emily Dickinson ha dedicata la propria vita.
La macchina da presa racconta anche l’ambiente e gli spazi circoscritti nei quali la vicenda umana della giovane donna si svolse tra la ricerca di un impossibile equilibrio e una tensione all’infinito e alla libertà.
Sono certo di non sbagliare vaticinando un grande e meritato successo per questa film e suggerendovi di non perderlo.