Dalla carta alla pellicola

17 aprile 2018

Sherlock Gnomes: cosa direbbe Conan Doyle?

di Francesco Farsoni
Continua a leggere

Il 12 aprile è uscito nelle sale Sherlock Gnomes, il sequel di Gnomeo and Giulietta, originale film d’animazione che rivisita in chiave comica cartoon la tragedia dei due amanti nati dalla penna di William Shakespeare.

Così il film…
Diretto da John Stevenson (Kung fu Panda, The father of the pride) con le voci di nomi del calibro di Johnny Depp (trilogia de I pirati dei Caraibi, Il mistero di Sleepy Hallow) e Emily Blunt (La ragazza del Treno, Il pescatore di sogni).

Dopo aver coronato il loro sogno d’amore Gnomeo e Giulietta arrivano a Londra dove gli gnomi dei giardini stanno allestendo in grande stile l’arrivo della primavera. I due gnomi vengono perciò presto coinvolti nei giochi e nelle feste con amici e parenti, ma l’ombra di una oscura minaccia grava sulla spensieratezza del mondo degli gnomi. Essi, infatti, iniziano a scomparire uno dopo l’altro. Solo uno gnomo può essere in grado di risolvere il mistero: Sherlock Gnomes chiamato a indagare assieme al suo fedele amico e assistente dottor Watson.
Dall’indagine scaturirà un’incredibile avventura che porterà gli gnomi a conoscere il lato oscuro di Londra e a entrare in contatto con nuovi personaggi.

Una regia che ha già alle spalle prove importanti e un cast di altissimo prestigio sono fra gli elementi che inducono a ritenere come Sherlock Gnomes abbia tutte le carte in regola per eguagliare il successo ottenuto dalla prima pellicola. Con un incasso di oltre 194 milioni di dollari al botteghino in tutto il mondo, Gnomeo e Giulietta, primo film di quella che potrebbe diventare una saga, ha più che soddisfatto la casa di Produzione Rocket Pictures di Elton John.
Azione, avventura e commedia uniti alla simpatia dei personaggi animati costituiscono un mix di sicuro successo. Consigliato alle famiglie!

…così il libro
Come Gnomeo and Juliet proponeva una rilettura dell’immortale opera drammatica di Shakespeare, così Sherlock Gnomes è ispirato ai libri di Sir Arthur Conan Doyle sul celeberrimo personaggio da lui creato: il grande detective Sherlock Holmes.
Pubblicate come raccolta organica nel 1892 dopo essere apparse sulle pagine dello Strand Magazine, Le avventure di Sherlock Holmes costituiscono una serie di racconti polizieschi che fa perno sulla figura del detective Sherlock Holmes al quale Conan Doyle aveva già dedicato il romanzo: Uno studio in rosso nel 1887.

Intrighi, misteri e segreti echeggiano pagina dopo pagina in quella che è una delle più celebri opere di narrativa poliziesca di tutti i tempi e, ogni volta, Sherlock Holmes sarà chiamato a vincere il crimine facendo appello al suo infallibile acume per dipanare trame e inganni che lasciano il lettore con il fiato sospeso fino all’ultima pagina sorprendendolo, ogni volta, con un finale impensabile. Al personaggio di Sherlock Holmes, Conan Doyle dedicò anche i romanzi Il Mastino dei Baskerville, Il Segno dei Quattro, La valle della paura oltre a Le Memorie di Sherlock Holmes.

Il personaggio è forse il più celebre detective della letteratura di ogni tempo. Non si contano le pellicole a lui dedicate, le numerosissime riletture delle sue inchieste.
I romanzi e i racconti di Conan Doyle costituiscono una pietra miliare del genere poliziesco e della letteratura in quanto tale e affascinano da sempre generazioni di lettori e cineasti.

Questo ci porta a consigliarvi di leggere i libri su Sherlock Holmes e, naturalmente, di non perdere Sherlock Gnomes, l’ultima, divertente, rilettura delle sue avventure: siamo certi che non rimarrete delusi.